Novità sulla fatturazione elettronica obbligatoria. Software per Gommisti

Obbligatorietà della fatturazione elettronica per gommisti e officine meccaniche

La fatturazione elettronica sta per diventare obbligatoria a partire dal 2019, se, infatti, fino ad ora era imposta esclusivamente nei rapporti con la pubblica amministrazione, dal primo gennaio 2019 sarà obbligatoria anche per le transazioni tra privati, quindi anche per i gommisti: un modo per combattere l’evasione fiscale che sicuramente non può che essere apprezzato da tutti gli imprenditori e i rivenditori di gomme e pneumatici onesti. Ma si tratta anche di una novità che corre il rischio di mettere in seria difficoltà i gommisti, poco abituati a questa tipologia di documento fiscale. Ecco, dunque, una piccola guida sulla fatturazione elettronica.

software per gommisti

Che cos’è la fattura elettronica

A partire da gennaio 2019, anche le aziende che riforniscono esclusivamente una clientela fatta di privati dovrà provvedere a soddisfare l’obbligo di emettere fattura elettronica. Si tratta di un sistema di fatturazione che viene utilizzato esclusivamente in via virtuale. In pratica le fatture vengono preparate digitalmente, spedite elettronicamente e conservate in un archivio digitale, senza più l’obbligo di emettere una copia cartacea. In questo modo risulta essere più facile per l’Agenzia delle Entrate riuscire ad effettuare controlli a campione ed è molto più comodo per gli imprenditori e i gommisti in particolare mantenere la contabilità e la gestione della fatturazione.

Il sistema di fatturazione elettronico si basa sull’utilizzo di un altro strumento che dovrà diventare familiare a tutti: la firma digitale. Grazie alla firma digitale viene riconosciuta l’appartenenza per ogni fattura elettronica e se ne testimonia la veridicità (oltre a prendersi la responsabilità di ciò che si dichiara). Una volta compilata la fattura e inviata da chi la emette, questa passa attraverso il sistema di interscambio che è collegato direttamente all’Agenzia delle Entrate la quale provvederà a controllare il documento, prenderne nota e infine inviarlo al destinatario finale. In questo modo il Sistema di Interscambio centrale controllerà che ogni fattura contenga tutti i dati corretti e terrà traccia di ogni pagamento effettuato.

Il sistema di fatturazione elettronica, dunque, cambia radicalmente il modo di concepire le fatture e la contabilità di un’azienda e si allontana drasticamente dal sistema cartaceo precedentemente utilizzato che incorreva in troppi errori e rischiava di mandare in confusione non solo le aziende ma anche gli organi preposti al controllo.

Oltre ad essere un obbligo di legge, molti sono i vantaggi in generale della fatturazione elettronica. Non va sottovaluata innanzitutto la convenienza di avere fatture digitali che facciano risparmiare i costi della carta: centinaia di migliaia di euro che ogni anno venivano spesi per la carta che occorreva alla stampa delle fatture classiche. La fatturazione elettronica è quindi amica dell’ambiente, fa risparmiare tempo e aiuta nella gestione della contabilità. Inoltre la fatturazione elettronica consente di razionalizzare l’archiviazione delle fatture.

fatturazione elettronica

Il meccanismo di funzionamento della fatturazione elettronica

Molti si chiedono come funzioni esattamente il sistema di fatturazione elettronica, spaventati dalla difficoltà di essere costretti ad utilizzare una modalità completamente nuova. Sono quattro sostanzialmente gli elementi ai quali i gommisti e tutti gli altri soggetti obbligati per legge all’utilizzo della fatturazione economica dovranno tenere presenti. In particolare si tratta di:
– modalità di compilazione delle fatture elettroniche;
– firma digitale e invio al Sistema di Interscambio;
– registrazione delle fatture inviate;
– archiviazione delle fatture elettroniche emesse.

– La compilazione di una fattura elettronica
Mentre la fattura classica era compilata a mano, con appositi moduli oppure con l’utilizzo di un file Excel, per la fatturazione elettronica si utilizza uno dei tanti software creati specificatamente, che produce un file in formato XML.

– Firma digitale e invio fattura
La fattura elettronica può essere firmata esclusivamente con la firma digitale. Una volta vidimata va inviata, sempre tramite software, al Sistema d’Interscambio. Il SdI valuterà la fattura e la spedirà al mittente se è tutto stato compilato correttamente.

– Registrazione delle fatture inviate
Il SdI provvede, una volta inviata la fattura al destinatario, a creare una sorta di copia che viene rinviata al mittente in modo da permettergli di tenere traccia di tutto quanto è stato fatto.

– Archiviazione delle fatture elettroniche
L’ultimo passaggio della fatturazione elettronica consiste nell’archiviazione. La norma in vigore dal 2019 impone a tutte le aziende la conservazione di una copia della fattura elettronica per almeno dieci anni dalla sua emissione. I software di emissione di fatture elettroniche solitamente mettono a disposizione un archivio digitale per la loro conservazione.

Gli elementi indispensabili della fatturazione elettronica

Uno dei primi elementi ai quali bisogna porre attenzione è quello relativo alla corretta compilazione della fattura elettronica. È importante, infatti, inserire ogni elemento indispensabile per non correre il rischio che l’SdI blocchi la sua spedizione. Un dato molto delicato è quello relativo al codice di identificazione del destinatario: l’SdI per riuscire a capire a chi va inviata la fattura elettronica dopo il controllo utilizza un sistema di codifica per classi di numeri. Le Pubbliche Amministrazioni hanno tutte un proprio codice identificativo mentre va compresa bene la modalità con la quale sarà assegnato un codice anche alle aziende private. Prima dell’entrata in vigore definita dell’obbligo di fatturazione economica sicuramente verranno fornite a tutti delucidazioni in merito. Maggiori spiegazioni dovranno anche essere date sull’iter di richiesta del codice identificativo per l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche.

Vanno ovviamente inserimenti, poi, come capita già per le fatture non elettroniche, tutti i dettagli relativi al tipo di transazione che viene eseguita. In particolare la descrizione e l’importo del prodotto venduto, l’iva, l’intestatario dell’acquisto e i dati del venditore.

La compilazione delle fatture elettroniche deve essere eseguita con grande cura e attenzione perché il mancato inserimento di uno o più campi oppure l’indicazione di dati fasulli pone l’azienda in un serio rischio di essere multati pesantemente. È quindi importante riuscire a trovare un aiuto che possa servire a facilitare il lavoro di chi compila fatture e ne gestisce l’archiviazione.

 

software per gommisti

I software gestionali per Gommisti e la fatturazione elettronica

Per la compilazione delle fatture elettroniche, soprattutto per i gommisti, è utile ricorrere ad un software elettronico che possa facilitare il proprio lavoro. In commercio esistono molti software per gommisti che possono soddisfare queste esigenze ma sicuramente occorre individuare un tipo di prodotto che possa essere perfettamente in linea con le proprie esigenze. Quasi tutti i prodotti in commercio, infatti, sono piuttosto generici oppure permettono la sola emissione delle fatture elettroniche e null’altro: ne esiste uno, invece, che riesce a soddisfare le esigenze complesse di una ditta come può essere quella di un gommista, in quanto è un software pensato appositamente per loro: Softyre.

Softyre è un software gestionale specializzato per gommisti e officine meccaniche: è molto completo e permette a chi lo utilizza di semplificare molte operazioni che altrimenti sarebbero particolarmente difficili. Grazie a questo software non solo è possibile realizzare tutta la fatturazione elettronica ma anche gestire il magazzino e permettere di creare un vero e proprio negozio online che consenta di vendere ogni tipo di pneumatico e non solo a disposizione del gommista; inoltre dà la possibilità di aggiornare automaticamente i listini senza dover procedere lentamente e faticosamente a mano per ogni singolo prodotto.

Per quanto riguarda la fatturazione elettronica, Softyre è già pronto per riuscire a soddisfare pienamente le esigenze dei gommisti che dal primo gennaio 2019 si troveranno a dover obbligatoriamente emettere fattura elettronica. Una volta completato l’aggiornamento il software permetterà anche di inviare automaticamente le fatture elettroniche al SdI e di archiviarle, così da consentire non solo il rispetto della nuova normativa ma anche una più veloce ricerca delle fatture archiviate.

software per gommisti

I vantaggi dell’utilizzo di Softyre

Se esistono così tanti software per gommisti per la realizzazione della fatturazione elettronica, perché scegliere proprio Softyre? Quali sono le ragioni che possono spingere un gommista a scegliere un software complesso per la realizzazione di un processo come la fatturazione elettronica che sarà alla portata di chiunque? Semplice: perché questo software ha numerosi vantaggi che tutti gli altri non offrono.

Con Softyre, infatti, oltre alla fatturazione elettronica si può fare molto altro. Pagando una piccola quota mensile, che è davvero alla portata di tutti, è possibile utilizzare tutti i servizi che questo software consente; innanzitutto è possibile usarlo anche con il tablet e lo smatphone , sempre al massimo delle prestazioni, e questo permette al gommista di avere sempre a portata di mano un gestionale completo, che aiuta molto nella lavorazione quotidiana e soprattutto nella gestione della propria azienda. Il software consente il caricamento del proprio tariffario, quindi diventa molto semplice fare immediatamente una fattura. Softyre consente anche di inserire in ogni fattura la quota obbligatoria per lo smaltimento degli pneumatici ( PFU), evitando di doverlo fare ogni volta manualmente.

Questo software per gommisti consente anche di stilare delle classifiche delle vendite, dei prodotti più richiesti, degli incassi e delle spese. In questo modo sarà possibile capire l’andamento dei propri affari, così da migliorare le proprie performance per riuscire a vendere di più e aumentare gli incassi. Infine il software permette anche di archiviare ogni tipo di dato, un modo per avere sempre ogni informazione sottomano.

 

software per gommisti

 

A chi rivolgersi per l’utilizzo di Softyre

Si può provare una demo gratuita così da saggiare tutti i vantaggi che Softryre offre ai suoi clienti. Basta compilare il form online sul sito www.softyre.com e sarà possibile accedere all’utilizzo del software per 30 giorni del tutto gratuitamente. Dopo la prova gratuita, se il prodotto ha risposto alle proprie esigenze, è necessario sottoscrivere un abbonamento per continuare il suo utilizzo.

Esistono tre tipologie di abbonamento mensile (Vedi i Nostri Piani), tutte a costi assolutamente abbordabili. Ogni tipo di abbonamento prevede la possibilità di usufruire di alcuni servizi aggiuntivi rispetto alla versione basic: in questo modo ogni gommista potrà scegliere quello personalizzato che possa aiutarlo a rispondere in modo perfetto alle proprie esigenze. Nella versione più avanzata è possibile anche gestire attraverso il software tutta la fase del customer service, un’area particolarmente importante per riuscire a fidelizzare la propria clientela, così da migliorare sempre di più il volume dei propri affari.

Per gestire nel modo migliore la propria officina meccanica oppure la rivendita di pneumatici non esiste software per gommisti migliore rispetto a Softyre, pensato in modo specifico per questo tipo di settore. Servizi di qualità e costi molto contenuti sono gli elementi caratterizzanti di Softyre (Vedi i Vantaggi).